TheBrewShop Milano

Brouwerij Het Nest

Dalla degustazione di birra come hobby alla costruzione di un birrificio ultramoderno!!

Prima ancora di diventare birrificio, era alla fine del 2000 un club di degustazione di birra: nessuno avrebbe mai osato sognare che 15 anni dopo ci sarebbe stata una evoluzione, diventando un ottimo birrificio. Il club di degustazione di birra era chiamato "L'Ordine del passero ubriaco", nel logo due passeri con una birra nel loro nido; talvolta, le birre degustate non erano così valide, lasciando spazio al peniero "forse possiamo fare di meglio noi".

Nel 2006, alcuni dei membri degustatori del club, hanno deciso di seguire un corso sulla produzione di birra presso una cooperativa locale, a ciò è seguito l'acquisto da parte del club di un piccolo impianto di produzione, aprendo alle prime birre amatoriali. 

Un bel terzo posto al Dutch Open Championship per Hobby Brewers è stato il segno per continuare a lavorare su una delle ricette. Ovviamente l'allora bollitore da 50 litri divenne presto troppo piccolo, hanno quindi cercato un birrificio dove poter preparare questa birra, seguendo direttamente le fasi produttive: i primi 500 litri furono prodotti presso il birrificio Boelens a Belsele, lanciando questa birra in stile tripel "Festivaltripel" alla prima edizione del loro festival birrario. 

Poiché tutti i membri del club provenivano dal Turnhout, il collegamento con le carte da gioco è stata una scelta ovvia. 
Ben presto divenne chiaro che questa scelta si traduceva in un'elevata riconoscibilità e popolarità delle loro birre, nonchè trampolino di lancio ideale per denominare le successive.

Il successo della prima birra, la Schuppenboer, è stato così grande che hanno provveduto alla ricerca di un birrificio più grande. 

La birra successiva è stata creata secondo i gusti del mastro birraio, nasce così la Hertenheer, una birra particolarmente amara. Poi seguirono altre birre che fanno parte del core rangeSchuppenaasKleveretien e Koekendam

Alla linea fissa, hanno prodotto successivamente, diverse varietà speciali di alcune di queste birre, attraverso diversi mesi di maturazione in botti di legno, non fermando la produzione di nuove birre: nascono la Dead Man's Hand, una birra nera corvina con malto tostato e un livello alcolico elevato (10%) in stile imperial stout e anche Two Faced Jack, Schuppenboer Grand Cru.

Nel 2015 è stata presa la decisione di costruire il loro birrificio nella zona industriale di Beyntel al confine tra Turnhout e Oud-Turnhout per soddisfare la crescente domanda delle loro birre sia in patria che all'estero. Oltre all'impianto ultramoderno di produzione da 30 hl, serbatoi di  fermentazione da 60 hl e 120 hl e la linea di imbottigliamento, dispongono anche di una cantina per birre maturate in botte!

 

 

The Brew Shop Milano
Hai l'eta' legale per bere?
SI' NO